Educazione: i nuovi principi educativi

cattedra con libri e penneL’uomo è il Talismano supremo. La mancanza di un’adeguata educazione l’ha però privato di ciò che inerentemente possiede.

Considera l’uomo una miniera ricca di gemme di inestimabile valore. Soltanto l’educazione può rivelarne i tesori e permettere all’umanità di goderne.
Da una parola uscita dalla bocca di Dio è stato chiamato all’esistenza; da un’altra parola è stato guidato a riconoscere la Sorgente da cui attingere la sua educazione e da un’altra ancora gli furono dati rango e destino.

Con queste parole di Bahá’u’lláh (Gloria di Dio), proseguo il discorso sull’educazione e sui nuovi  principi educativi.

Ma prima, qualche ulteriore informazione su questa figura eccezionale che ha cambiato e ,ancora di più nel prossimo futuro, cambierà il mondo in cui viviamo.

Bahá’u’lláh è il fondatore di una nuova religione indipendente e monoteista, la Fede Baha’i, che ribadisce l’unicità di Dio, della religione, dell’uomo e che si prefigge di instaurare l’unità di tutti gli uomini del pianeta in un’unica nazione.

Bahà’u’llah è la Manifestazione di Dio per questa epoca in cui viviamo.

Nel Siyah-Chal (un orribile carcere dove trascorse un periodo di prigionia) Dio rivelò a Bahà’u’llah il Suo grande Stadio.

Una dolcissima voce Gli disse:

“In nome di Dio! Questo è il prediletto dei mondi, eppure ancora non lo comprendete.
Questa è la Beltà di Dio fra voi e il potere della Sua Sovranità in voi, se solo lo capiste.
Questo è il Mistero di Dio e il Suo Tesoro, la Causa di Dio e la Sua Gloria per tutti coloro che sono nei regni della Rivelazione e della Creazione, se foste di coloro che intendono”.

Il principio educativo fondamente su cui si basa l’educazione  Baha’ì

è la consapevolezza che tutti gli uomini sono stati creati nobili e che solo la mancanza di una adeguata educazione è ciò che può impedire la manifestazione di questa nobiltà.

Inoltre, afferma il Profeta persiano, lo scopo della creazione dell’uomo e della sua vita terrena è quello conoscere e amare Dio e per raggiungere questo scopo tutti gli uomini sono stati dotati della facoltà sia di riconoscere l’esistenza di Dio sia la Sua Manifestazione per il tempo in cui l’uomo vive.

Le Manifestazioni di Dio sono esseri purissimi portatori della Sua parola, specchi perfetti dei nomi e degli attributi di Dio ed educatori perfetti dell’umanità. Questi esseri sono inviati da Dio, durante tutta la storia dell’uomo, per guidare l’umanità in un continuo progresso materiale e spirituale.
Abramo, Mosè, Budda, Zoroastro, Cristo, Muhammad, il Bab, Baha’u’llah sono alcune delle Manifestazioni di Dio succedutesi nei tempi alla guida dell’umanità

La via a Dio

L’uomo può educarsi da solo?

La risposta bahà’ì è che l’uomo da solo non ha questa capacità .

Se consideriamo la vita in tutti i suoi aspetti, vediamo che c’è sempre bisogno di un educatore.
Lasciato da solo allo stato selvaggio, l’uomo segue lo stile di vita degli animali, con l’educazione può, invece, raggiungere le più alte vette della realizzazione.
Se non fosse per gli educatori, non ci sarebbe civiltà.

L’educazione dello spirito avviene attraverso la conoscenza e l’amore per Dio, ma non potendo l’intelletto umano concepire il proprio Creatore, Dio, come pegno della Sua misericordia e del Suo amore, invia periodicamente agli uomini i Suoi Messaggeri.
L’umanità ha sempre avuto bisogno di un educatore perfetto, che la aiuti a organizzare le questioni relative al nutrimento e alla salute del corpo, che la ispiri a sviluppare conoscenze, invenzioni e scoperte e, quel che più conta, che le infonda la vera vita dello spirito.

I Profeti ed i Messaggeri di Dio sono stati inviati al solo scopo di guidare l’umanità sul diritto sentiero della Verità. Lo scopo recondito della loro rivelazione è stato quello di educare tutti gli uomini acciocché essi possano, nell’ora della morte, ascendere nella più grande purezza e santità e senza il più lieve attaccamento, al trono dell’Altissimo.

L’educazione deve privilegiare il carattere e la condotta rispetto alle scienze e alle arti. Il buon comportamento e l’alta moralità devono venire prima, perché se non si raffina il carattere, l’acquisizione del sapere si mostrerà solo dannosa.

Il sapere è lodevole quando sia abbinato a una condotta morale e a un carattere virtuoso; altrimenti è come un veleno mortale, un temibile pericolo. (Abdu’l Bahà)

Come educare la nostra anima

La Fede Baha’i sostiene che solo attraverso il riconoscimento della Manifestazione di Dio per questa epoca e tramite l’osservanza delle Sue leggi e disposizioni abbiamo la possibilità di educare la nostra anima alla conoscenza e all’amore per Dio.

Chi li riconosce ha riconosciuto Dio. Chi porge orecchio al loro appello ha porto orecchio alla voce di Dio e chi attesta la verità della loro Rivelazione, ha attestato la verità di Dio stesso.
Ognuno di loro è la via di Dio che unisce questo mondo coi reami superni, sono le Manifestazioni di Dio tra gli uomini, le testimonianze della Sua verità ed i segni della Sua Gloria; sono gli educatori dell’umanità.(Bahá’u’lláh)

Lo scopo dell’educazione

” Abbiamo decretato o genti che il sommo ed ultimo fine di ogni dottrina sia riconoscere Colui Che è l’Oggetto di ogni sapere”. (Bahà’u’llah)

… “Se dunque la ricerca del sapere conduce alla bellezza di Colui Che è l’Oggetto di tutto il Sapere, quella meta è eccellente; altrimenti, una semplice goccia potrà forse separare l’uomo dalla grazia straripante, perché con il sapere vengono l’arroganza e l’orgoglio e ciò porta all’errore e all’indifferenza verso Dio” … (Abdu’l Bahà)

Se una persona è illetterata, ma adorna della perfezione Divina, ed è viva nelle brezze dello Spirito, quell’individuo può contribuire al benessere della società e la sua incapacità di leggere e scrivere non gli farà alcun male.

E se una persona è versata nelle arti e in ogni ramo del sapere, e non vive una vita religiosa, e non assume le qualità di Dio, e non è animata da intenzioni pure, ed è tutta immersa nella vita della carne allora essa è il male personificato e nulla verrà dalla sua dottrina e dalle sue conquiste intellettuali se non scandalo e tormento. (‘Abdu’l-Bahá)

Come si arguisce dalle citazioni appena lette lo scopo dell’educazione, dell’acquisizione del sapere, è quello di riconoscere l’esistenza di Dio per poter compiere il nostro destino su questo pianeta, quello di conoscere ed amare Dio attraverso le Sue Manifestazioni e poter così educare la nostra anima per la vita, dopo la morte del corpo, nei regni di Dio. Negandosi l’uomo questo scopo sulla terra con l’acquisizione del sapere e la cultura non ci sarà beneficio per sé stesso e per gli altri ma, solo scandalo e tormento.

L’obbligatorietà dell’educazione

«Non è consigliabile permettere che un uomo rimanga ignorante e incapace, perché allora egli non è altro che un albero sterile» Se non ci fosse un educatore, tutte le anime rimarrebbero selvagge, e se non fosse per il maestro, i bambini sarebbero creature ignoranti. Per questo motivo, in questo Nuovo Ciclo, nel Libro di Dio è scritto che l’educazione e l’istruzione sono obbligatorie e non volontarie.(‘Abdu’l-Bahá)

E’ la prima volta nella storia delle religioni che viene sancita l’obbligatorietà dell’educazione e dell’istruzione,  chiaramente la Fede baha’i si riferisce all’educazione e all’istruzione sia del corpo, sia della mente e sia dello spirito.

Una educazione universale – Le donne e la guerra.

L’educazione deve essere non solo obbligatoria ma anche, universale e universalmente uguale.

La fede Baha’i sostiene inoltre il principio della parità dei diritti fra l’uomo e la donna e che la grandezza di questa epoca in cui viviamo apparirà in seguito al progresso delle donne.

Questo progresso delle donne sarà, inoltre, il motore dell’instaurazione della pace nel mondo.
In ogni paese, le donne si muovono con efficacia e ciò è dovuto, per la Fede Bahà’i, all’influsso della Manifestazione Suprema e al potere degli insegnamenti divini.

… Quando l’educazione verrà universalizzata in tutte le scuole, un rapporto perfetto si stabilirà tra i membri della razza umana. E quando tutti riceveranno lo stesso tipo di educazione le basi della guerra e della disputa saranno completamente eliminate.(‘Abdu’l-Bahá)

Egli [Bahá’u’lláh] ha promulgato l’adozione di un identico corso educativo per uomo e donna. Figlie e figli devono seguire lo stesso programma di studi, promuovendo così l’unità tra i sessi.(‘Abdu’l-Bahá)

Senza l’uguaglianza ciò sarà impossibile, perché tutte le differenze e diversità conducono alla discordia e alla lotta. …Non v’è dubbio che quando le donne otterranno la parità di diritti, le guerre cesseranno del tutto tra l’umanità. (‘Abdu’l-Bahá)

Le donne e i figli

La scuola per le ragazze ha la precedenza sulla scuola per i ragazzi, perché le ragazze di quest’èra gloriosa hanno il dovere di conoscere bene i vari rami del sapere, le scienze e le arti e tutte le meraviglie di quest’epoca eccellente, affinché possano educare i figli e allevarli sin dai primi giorni nelle vie della perfezione. (‘Abdu’l-Bahá)

… Le madri infatti sono le prime educatrici, il primo mentore; e in verità sono le madri che determinano la felicità, la futura grandezza, i modi cortesi, la cultura e il discernimento, la comprensione e la fede dei loro pargoli.(Abdu’l-Bahà)

E questo è un altro principio innovativo che riconosce l’importanza del ruolo educativo della madre vista la naturale inclinazione della prole verso la madre, in particolare nei primi anni dell’esistenza.

Gli effetti

… l’educazione non può alterare l’intima essenza dell’uomo: essa, però, ha una enorme influenza e con la sua forza può ricavare dall’individuo qualunque perfezione e capacità vi si trovi deposta.
Un granello d’orzo, coltivato dal contadino, può produrre un intero raccolto e un seme, che il giardiniere curi, può crescere e diventare un grande albero. … (Abdu’l-Bahà)

Gli obiettivi

Gli obiettivi dell’educazione definiti, dalla Fede Bahà’i, come prioritari sono quelli dell’acquisizione degli attributi celestiali: sincerità, lealtà, amore, giustizia, servizio all’umanità.

L’educazione deve sviluppare in ogni essere umano il desiderio di raggiungere l’eccellenza. L’uomo deve innamorarsi delle perfezioni umane e perseguirle con passione.

Deve aspirare alla distinzione spirituale, farsi conoscere per le virtù del mondo umano – la sincerità, la lealtà, il servizio all’umanità, l’amore e la giustizia.

Deve cercare di distinguersi per l’impegno nella promozione della pace e dell’unità e favorire l’apprendimento. Vero compito dell’educazione è guidare le genti su questa strada.

I principi educativi fondamentali delle università e delle scuole

Le università e le scuole del mondo devono attenersi fermamente a tre princípi cardinali.

  • Servire sinceramente la causa dell’educazione, schiudere i misteri della natura, ampliare i confini della scienza, eliminare le cause dell’ignoranza e i mali sociali, creare un sistema universale di istruzione e diffondere le luci della conoscenza e della realtà.
  • Servire la causa della moralità, elevando il livello morale degli studenti, ispirandoli con i più elevati ideali etici, insegnando loro l’altruismo, inculcando nella loro vita la bellezza della santità e l’eccellenza della virtù e vivificandoli con le grazie e le perfezioni della religione di Dio
  • Servire l’unità del mondo dell’umanità, così che lo studente possa consapevolmente sentire di essere un fratello per tutto il genere umano senza considerare religioni o razze.

Pensieri di pace universale devono essere instillati nella mente di tutti gli studenti, così che essi possano diventare l’esercito della pace, i veri servi del consesso politico: il mondo intero. Dio è il Padre di tutti, l’umanità i Suoi figli. Questo globo è una sola dimora. Le nazioni sono i componenti di una sola famiglia.

Le madri in casa, gli insegnanti a scuola, i professori negli istituti, i rettori nelle università devono insegnare questi ideali ai giovani, dalla culla alla maturità. (‘Abdu’l-Bahá)

Se stessi e la conoscenza

Ha conosciuto Dio, chi ha conosciuto se stesso.
Se soltanto per un momento rifletteste in cuor vostro su queste frasi trovereste, certamente, le porte della comprensione aperte dinanzi a voi e vedreste tutta la sapienza e i suoi misteri svelati ai vostri occhi.(Bahá’u’lláh)

La Fede Bahà’i insegna che, essendo l’uomo fatto ad immagine e somiglianza di Dio, conoscendo se stessi possiamo conoscere Dio e la conoscenza di se stessi è il massimo grado di conoscenza che l’uomo può raggiungere.

Conclusioni

Volutamente non ho parlato di una educazione specifica, quella dei bambini, non per trascuratezza ma perché l’argomento è talmente importante che merita una trattazione a parte che farò più avanti in un articolo dedicato.

Naturalmente sono consapevole che questo post non è affatto esaustivo riguardo ai principi educativi proposti dalla Fede Baha’i all’umanità.
Al fine di diffondere in modo esaustivo questi principi educativi, le comunità dei credenti baha’i organizzano, in tutte le località ove risiedono, corsi gratuiti di educazione spirituale basati sulla capacità spirituale rigenerativa della Parola di Dio tratta dalle Sacre scritture.

In questi corsi che chiamiamo “circoli di studio” vi è la possibilità di conoscere appieno tutti i rivoluzionari principi educativi baha’i che, quando riconosciutane l’origine divina, attueranno ciò che Cristo ha  profetizzato nella preghiera il Padre nostro : “Venga il Tuo regno” e cioè, una nuova civiltà di uomini che trasformerà la terra in un paradiso.

E’ , quindi, mia opinione che la resposabilità di cambiare la società in cui viviamo non appartiene alla politica, all’economia o a qualsiasi altra organizzazione culturale, sociale o di qualsiasi altra natura.

La responsabilità del cambiamento della società appartiene esclusivamente a noi stessi.

Nella misura in cui riusciremo a produrre quella trasformazione interiore spirituale che ci permetterà di modificare  la nostra vita quotidiana, potremo cambiare, senza che niente e nessuno lo possa impedire, questa società decadente, materialista, competitiva e conflittuale in una società accogliente, altruista, collaborativa e pacifica.

Quali sono i tuoi dubbi e le tue opinioni in merito a qusta ultima mia affermazione? Avrei piacere di conoscerle.

Un saluto a chi legge.

Fonti: per la foto  fondazione Nenni  – Per i testi e le citazioni  Bahà’u’llah e ‘Abdul-Bahà

Nota: per informazioni sulla Religione Baha’i e sulle attività in Sardegna e in Italia lascia il tuo nominativo e un tuo recapito nel modulo contatti.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *