Avvocati? No grazie, avvocatesse!

Giovane donna vestita con un completo da donna in carriera

Un giorno, nei dintorni del tribunale di Cagliari, l’abbigliamento e l’atteggiamento di alcune avvocatesse attirano la mia attenzione.

Una mattina, dopo la prima delle due giornaliere passeggiate, terapia prescritta alla mia gamba sinistra, vado nel garage condominiale,

salgo in macchina e mi dirigo verso il distributore più vicino, ubicato nella piazza Repubblica; nel centro della città, dove ha sede il tribunale.

Come al solito mio figlio, con una regolarità quasi impressionante, non rimette la benzina che consuma, e va bene! Anzi va male!

Mi lamento con lui con altrettanta regolarità, ma non ho ancora deciso di dirgli:“No benzina! No macchina! Coltivo ancora la speranza che si stanchi prima lui di non mettere la benzina che io di chiederlo. Spes ultima dea!
Scusate la digressione, ho fatto una riflessione a voce alta.

Erano circa le nove della mattina, l’andatura della macchina era lenta a causa del traffico ed essendo un grande curioso dell’umanità guardavo le numerose persone che transitavano nella piazza.

A un certo punto il mio sguardo è stato attratto da una figura femminile: una gonna a tubino, appena sopra il ginocchio, color mattone, aderente sui fianchi; un giacchino dello stesso colore, avvitato, lungo appena sotto la vita e portato sbottonato sopra una maglietta girocollo.
Altezza media, un corpo estremamente proporzionato: caviglie sottili, polpaccio leggermente muscoloso, gambe slanciate, capelli neri, corti e curati.

Con una mano sul fondo reggeva una cartella in pelle color miele, niente tracolla, niente manici, chiusura tipo pochette; il massimo delle scomodità, il massimo del sacrificio per essere alla moda e a modo suo femminile.
Andatura sicura su tacchi medio/alti e femminile – cioè leggero movimento armonioso delle anche.
Aspetto tipico di una di quelle che usano tutte le armi come la preparazione tecnica, la professionalità, la determinazione e un certa femminilità aggressiva che sembra dica: “Guardami e ti sentirai uomo!” Insomma il tipo di avvocato che in una causa preferiresti non avere contro.

E il viso? Non lo so! Per il momento l’ho vista solo da dietro e se il davanti mantiene le aspettative che il dietro stimola, allora per i giudici ci saranno un pò di problemi di concentrazione.

Quando la supero con la macchina riesco a vederla dallo specchietto retrovisore; il fisico mantiene le aspettative, il volto non bello ma, gradevole e con un lieve costante sorriso di una donna sicura della propria attrattiva.

Nella piazza è ubicato, oltre alle svariate attività commerciali e uffici, il capolinea della metropolitana di superfice che collega numerosi paesi dell’interland e questo fa si che la piazza sia popolata da una multiforme umanità: studenti,commercianti, avvocati, poliziotti, imputati, colpevoli, innocenti …

In mezzo a tutta questa umanità un’altra donna con cartella in pelle portata elegantemente con la tracolla sulla spalla, gonna rigorosamente sopra il ginocchio, aderente, portata sotto una camicia lunga, bianca, di ottima fattura, stretta da una cintura larga e nera appoggiata sui fianchi.
I capelli leggermente lunghi e fintamente trascurati, cioè curati con noncuranza …

E ogni tanto, dentro una moltitudine di visi e di abbigliamenti, con l’andatura un pò frettolosa di coloro che combattono quotidianamente per la soddisfazione di un minimo di bisogni, spicca una avvocatessa; mondi che corrono a volte paralleli, che spesso si incrociano e che mai realmente si incontrano, divisi dallo status sociale, dalle reciproche culture, pregiudizi e mentalità.

Cosa potremo fare per aiutare questi mondi ad incontrarsi, a capirsi, a collaborare tra di loro e infine ad unirsi?

Perché questo post quasi un pò superficiale?
Ma perché, santo cielo qualche volta si ha voglia di rilassarsi, di giocare per un pò.

Poichè, comunque, un pò mi vergogno di scrivere in questo modo firmerò questo post e gli eventuali altri con un altro nome.

Se vi è piaciuto scrivete un commento e se non vi è piaciuto scappate via.

Buona giornata a tutti!
Author: Social Eyes
Fonti
Foto di datamanager.it

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *